Affonda il ghiacciaio e affogano i pinguini… 25.000 ​

Affonda il ghiacciaio
Affogano i pinguini... 25.000

Vorrei prendere Brunetta, Rubbia e gli altri turnificatori della normalizzazione. Li inviterei, li porterei a vivere almeno un periodo in Antartide, per verificare che sì, è vero: esiste il  cambiamento climatico.
E i nostri scienziati guardano altrove. E lo fanno i nostri politici, dediti a mantenere i precari equilibri da loro stessi creati. E intanto il popolo italiano, il popolo europeo, quello americano non riescono a sollevare lo sguardo dai loro problemi del quotidiano. Ed altri popoli ancor meno agiati non riescono a guardare altro che nella loro ciotola vuota, o nel bidone della spazzatura, dal quale estraggono un’insalata o un residuo di una pizza, per i quali -nella baracca- i bambini faranno festa.
Giusto un manipolo di ricercatori, solo dopo tre anni dall’avvenimento, riesce a sapere e a far sapere che è  affondato un ghiacciaio in Antartide. E sono affogati pinguini imperatore: migliaia di pinguini imperatore. E’ quanto ha scoperto una squadra di ricercatori del British Antartic Survey (Bas), l’organizzazione governativa britannica che si occupa di ricerca e divulgazione scientifica sull’Antartide. L’episodio è realmente accaduto, più o meno nel 2016. 
Non sapevano ancora nuotare, così migliaia di pinguini imperatore sono morti affogati dopo lo scioglimento anticipato dello strato di ghiaccio sul quale erano si erano stabiliti nel mare di Weddell, vasta area dell’Oceano Atlantico a ridosso dell’Antartide. 

La rivelazione nasce da immagini satellitari: i rilievi dallo spazio hanno evidenziato i segni ben visibili del grave incidente climatico. Forti venti, probabilmente una tempesta, hanno scavato la parte più sottile della piattaforma. Assieme al blocco di ghiaccio sono andati a picco anche i pinguini imperatore stabiliti nella zona di  Brunt. Si è trattato per lo più di cuccioli: la colonia della Baia di Halley, la seconda più grande al mondo. Nei momenti migliori la popolazione di pinguini di Brunt era costituita da 25 mila esemplari: dopo quel drammatico incidente è pressoché scomparsa. Una cosa è però certa: non si è trattato di un incidente, ma è definitivamente e chiaramente il normale degrado climatico, per gran parte provocato dall’umanità.
Intanto la Cina, gli U.S.A. e i loro comprimari si pongono limiti temporali di tempo sempre lontani, per fingere di risanare la tragedia planetaria.
E, nel contempo, si pensa alla Luna, a Marte, alla nuova Via della Seta. 

Alois Walden Grassani

Lascia una replica

  Subscribe  
Notificami
Translate »
Facebook
Instagram